Open Source

fotoInformazioni, scoperte e consigli sul mondo dell'Open Source. Spesso la parola Open Source viene associata a gratuito, ma è un errore, il suo significato è semplicemente "codice aperto". Ovvero, tutti possono leggere il codice e comprenderne il funzionamento. Windows è a codice chiuso e solo Microsoft sa come funziona. Se attraverso un codice aperto è più facile trovare delle falle rispetto ad uno chiuso, è anche vero che la velocità di rimediare ai bug e falle di un programma avviene in tempi più brevi. Un codice aperto può essere modificato per renderlo più vicino alle proprie esigenze, un codice chiuso no: si deve chiedere al produttore tali modifiche, spesso respinte oppure particolarmente costose. Un codice aperto ha una evoluzione maggiore, spesso si basa su quelli che vengono chiamati framework che permettono di far lavorare diverse persone su uno stesso progetto con un codice più pulito e semplice. Insomma, Open Source è la via e forza della condivisione. Una condivisione tale e così forte che non si trova in altri campi scientifici e tecnologici. ll sistema operativo Linux con le sue infinite sfaccettature ne è una delle prove. Non prometto nulla, ma cercherò di pubblicare riflessioni in merito a questo argomento facendovi scoprire un mondo del tutto nuovo e diverso da quello Microsoft. Visto che ormai dovrebbero essere già in molti ad aver scoperto la falsità del moto "plug an play" di Windows. Buona lettura

Linux Mint

Quando si parla di distribuzioni linux viene in mente per prima Ubuntu e poi Mint. Il motivo è presto detto: Ubuntu è la più versatile e riconosce la gran parte dei dispositivi. In questo articolo non voglio fare un confronto e non ho intenzione di iniziare una battaglia a pro di Mint, piuttosto mostrerò alcuni fattori prioritari di Mint che possono essere di grande aiuto per chi inizia e scoprire che la differenza è più nel destkop che si usa piuttosto che nel sistema operativo.
Etichette

Sarò ricordato

Nella foto il gruppo P101 della ditta Olivetti, un gruppo di persone creative che hanno creato una delle prime realtà informatiche italiane. Sono poche le persone che si ricordano di queste persone. Eppure hanno creato qualcosa di grande. Noi? Cosa abbiamo fatto della nostra vita? Come saremo ricordati? Ma saremo poi ricordati? I cimiteri sono pieni di "nomi e cognomi" più o meno illustri che vengono ricordati una volta all'anno, due o tre nella migliore ipotesi. Non perché vi sia un reale ricordo quanto perché la consuetudine richiede questo.
Etichette

Elive! Una distribuzione sconosciuta

Elive è una delle moltissime distribuzioni di Linux. Sicuramente sconosciuta ai più che preferiranno Ubuntu per la sua compatibilità e semplicità d'uso, Centos per la sua stabilità e sicurezza oppure la famosa OpenSuse per la sua ottima capacità di inserirsi in un ambiente lavorativo. Comunque sia, Elive è una distribuzione che ben si adatta ai PC di vecchia data e con poche risorse. Nella rincorsa ai più potenti computer di ultima generazione per avere effetti spettacolari sul desktop, usando Elive scoprirete che non è necessario un potente processore per ottenere comunque un desktop che cambia dalla notte al giorno e con i più incredibili effetti sulle finestre...
Etichette